Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo: non sono riferibili né a prescrizioni né a consigli medici

Patologie del ginocchio (distorsione, lesione crociato anteriore, menisco, protesi del ginocchio, etc.)

Il ginocchio è un’articolazione complessa, sottoposta a forze che si esprimono contemporaneamente su più piani, sottoponendo le strutture ossee, capsulari, meniscali, legamentose e miotendinee a notevoli sollecitazioni; l’esecuzione scorretta del gesto atletico, un improvviso sovraccarico funzionale al ginocchio, un contrasto con piede fisso a terra possono produrre lesioni acute. Gli elementi principali sono:

*        i condili femorali e tibiali, in altre parole le estremità delle due ossa della gamba interessate dall’articolazione;

*        la rotula, cioè l’osso arrotondato visibile anteriormente;

*        i menischi mediale e laterale, strutture anatomiche semicircolari che fungono da cuscinetto ammortizzatore;

*        i legamenti e i tendini, che servono a mantenere nella giusta posizione e rapporto reciproco le varie parti dell’articolazione;

*        la capsula articolare e la membrana sinoviale, che avvolgono l’articolazione e contengono un liquido che minimizza l’attrito e l’effetto dei traumi.

Questi elementi, insieme all’azione contemporanea dei vari muscoli che si inseriscono sul ginocchio, creano fra di loro un equilibrio di forze che permette la distribuzione bilanciata del peso e delle sollecitazioni, e la possibilità di movimenti armonici. Quando tale equilibrio viene alterato per un trauma o una malattia, il ginocchio può venire colpito da varie patologie. Queste possono interessare le cartilagini, le ossa, i legamenti, i menischi o più strutture insieme.

Vi sono dei sintomi di base comuni a tutte le patologie del ginocchio:

*        dolore più o meno acuto e costante, a volte legato a certi tipi di movimento;

*        diminuita o assente funzionalità dell’articolazione (al movimento o al carico);

*        tumefazione più o meno evidente.

Possono insorgere altri sintomi, per esempio:

*        edema, arrossamento, la zona appare calda al tatto;

*        versamento (eccessiva produzione di liquido sinoviale all’interno della capsula articolare o sangue, in seguito a lesioni legamentose o fratture);

*        disallineamenti;

*        eccessiva mobilità della rotula (per lesione dei legamenti o alterazione delle strutture ossee dell’estremità del femore o dei menischi);

*        “clic” dolorosi, causati da disallineamenti, lesioni meniscali, talvolta presenza di frammenti mobili nell’articolazione.

 

 

I traumi possono essere:

*        lussazioni;

*        tendiniti;

*        distorsioni o contusioni;

*        fratture;

*        stress ripetuti (che possono portare a un deterioramento e perdita di tessuto cartilagineo (condropatia rotulea).

*        Processi infiammatori e/o degenerativi

*        artrite reumatoide;

*        artrosi del ginocchio (gonartrosi);

*        artrite psoriasica;

*        lupus eritematoso sistemico;

*        gotta;

*        pseudogotta;

*        diabete;

*        sclerodermia.

*        reumatismo articolare acuto;

*        infezione diffusa da gonococco (gonococcemia).